Archivi tag: Napoli

Il ricordo di Salvatore Di Giacomo

digiacomoNapoli ricorda Salvatore Di Giacomo a ottant’anni dalla scomparsa (1934-2014). L’Università “Federico II” e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli promuovono la manifestazione “L’occhio vivente. Salvatore Di Giacomo pellegrino nella sua città”, che si terrà il 2 aprile 2014 (ore 14,30) presso la Società Napoletana di Storia Patria, a Castel Nuovo; e poi il 4 aprile una reading cittadino delle opere del poeta. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Eventi, Storia, università

Premio Strega/ La Napoli del Seicento candidata con Antonella Cilento

lisari_cilentoMondadori candida al prossimo Premio Strega una storia molto femminile e molto napoletana: Lisario, o il piacere infinito delle donne, l’ultimo libro di Antonella Cilento. Il romanzo – in uscita proprio in questi giorni – è ambientato nella Napoli del Seicento, e racconta la storia di Lisario Morales, muta a causa di un maldestro intervento chirurgico, che legge di nascosto Cervantes e scrive lettere alla Madonna. È poco più di una bambina quando le propongono per la prima volta il matrimonio, e lei per sottrarsi cade addormentata. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Libri

Cinema e lettaratura/ Perchè bisogna «recuperare» Bellavista di De Crescenzo

bellavista33Lunedì 10 febbraio si proietta a Napoli Così parlò Bellavista, che compie trent’anni. La fortunata invenzione di Luciano De Crescenzo, prima di diventare un film era stata un altrettanto fortunato libro, uscito per Mondadori nel 1977. Un libro già molto popolare (grazie anche a Maurizio Costanzo), ma snobbato dal dibattito letterario. Mentre infatti gli scrittori “napoletani” cercavano di sprovincializzarsi,  facevano a cazzotti per uscire da quel “bozzettismo” che finiva per relegarli al loro ruolo subalterno, De Crescenzo se ne fregò di tutto, e costruì un curioso libro che – volutamente – scadeva addirittura fino al macchiettismo. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in CInema, Letteratura, Libri

Luoghi letterari/ Ponte Ricciardo tra morti impiccati e sospiri d’amore

tiorba

Il Ponte Ricciardo, ovvero il ponte della Maddalena sulla foce del Sebeto, era il luogo delle infami forche da cui pendevano gli impiccati, i cui corpi venivano spesso gettati poi direttamente a mare. Nel Quattrocento Masuccio Salernitano ci ambientò un racconto del suo Novellino; ma la testimonianza più bella è forse un sonetto della mitica Tiorba a Taccone, il canzoniere pubblicato a Napoli nel 1646 sotto il fantasioso nome di Filippo Sgruttendio, sulla cui identità indagarono Croce e Ferdinando Russo, e in tempi più recenti numerosi altri studiosi. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Letteratura, Poesia, Uncategorized

Novità Guanda/ Torna Malinconico nel nuovo romanzo di Bruno Arpaia

primbagrandePrima della battaglia è il nuovo romanzo di Bruno Arpaia, in uscita per Guanda (pp.183, euro 15), che riporta in scena Alberto Malinconico – già protagonista del suo libro migliore, Il passato davanti a noi (2006) –  che adesso, con qualche anno di più addosso, e molto più disilluso, affronta la sua prima prova da commissario. Un’avventura tra il mondo della camorra e quello dei Servizi segreti, che lo porterà fino a Città del Messico. Sullo sfondo, la storia della fatica di un amore, quello con Lidia, e della conquista di una nuova maturità, in una Napoli dai colori accesi, coprotagonista indolente e mortale, incapace di giustizia e intrisa di bellezza. Tutto comincia una notte sulla Tangenziale: un camion che schiaccia un’auto contro il guardrail e si allontana; e un morto, Andrea Rispoli, che faceva lo scrittore. Un incidente con troppi dubbi. Ma perché uccidere uno scrittore? tutto si complica se ci aggiungi una vedova pericolosamente bella, un libro mai pubblicato, un misterioso informatore, un boss evaso… Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Libri

Novità Feltrinelli/ “Il sorriso di Don Giovanni”, il nuovo romanzo di Rea

rea_sorrisoIl sorriso di Don Giovanni è il nuovo libro di Ermanno Rea, in uscita in queste settimane per Feltrinelli (pp. 240, euro 18). È il romanzo di Adele , una donna che vive in isolamento, circondata da montagne di libri. L’appartamento ereditato dalla nonna è diventato una vera e propria biblioteca, che le si chiude addosso come una sorta di archivio del suo mondo. Da questo luogo, angolo recondito dell’anima, Adele racconta la sua storia, l’amore giovanile con Fausto, militante del partito comunista che come lei ama leggere. Ma al contrario di Adele, che crede che le parole possano spostare le montagne, Fausto è scettico; per lui il mondo letterario e quello reale sono due universi ben distinti. Quando si lasciano – forse per il legame sempre più stretto di lui col partito –  Adele prende la sua strada: va a insegnare e promuove una campagna di lettura che le fa attraversare i quartieri disagiati di Napoli. Alternando speranze e delusioni, senza mai smettere di credere al potere salvifico delle parole. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Libri

Connessioni/ Mezzogiorno, nuova programmazione e Città Metropolitana

conn_sviluppo_WEB Martedì 28 gennaio (ore 17:30) presso il bistrot letterario “Libri e Caffè” del Teatro Mercadante di Napoli (Piazza Municipio) si svolgerà il dibattito “Connessioni per lo Sviluppo: Conversazione su Saperi, Territorio, Coesione”; interverranno il presidente della “Fondazione con il Sud” Carlo Borgomeo, autore per Laterza de “L’equivoco del Sud”, gli economisti Francesco Saverio Coppola (Studi e Ricerche per il Mezzogiorno), Achille Flora (l’Orientale) e Marco Musella (Federico II), e Giuseppe Pesce, autore del saggio “Napoli e i suoi casali: Itinerari dell’entroterra metropolitano”. Modereranno l’incontro l’editore Edgar Colonnese e Osvaldo Cammarota,coordinatore della “Banca delle Risorse Immateriali”.

Lascia un commento

Archiviato in attualità, Eventi, Giuseppe Pesce, politica

Il racconto / ‘A Pezzentella, il viaggio di Carlos Solito “nel corpo di Napoli”

pezzentellaÈ un trip, un viaggio insolito nel corpo di Napoli, il racconto che «Rolling Stone» regala ai propri lettori, a firma di Carlos Solito fotografo, scrittore e filmaker, autore tra l’altro di un bel docufilm sull’Ilva di Taranto – che si può scaricare gratuitamente dal sito web della rivista. Il racconto di intitola “A Pezzentella”, ed è un viaggio nella città di sopra e nella città di sotto, in catacombe che custodiscono spiriti che non possono morire, che abitano le pietre, le ossa il sangue il fiato, la musica – eterna come eterna è la memoria che si fa tradizione – della vita dei napoletani… forse gli stessi fantasmi che cercava Fulcaniello nel romanzo di Giuseppe Montesano, il grande scrittore che ha camminato “nel Corpo di Napoli”. ‘A pezzentella è «un testo magico, dove si parla di anime e speranza, di amicizia e rimpianti, di vento che riaccende la vita, anche di quelli che l’anno persa secoli prima»: da non perdere!

>>> Scarica il racconto dal sito della rivista Rolling Stone

Lascia un commento

Archiviato in Eventi

Un senso a questa storia/ Napoli e i suoi casali, la memoria contro la periferia

PESCE_CASALIProvincia Metronapoletana // Ai confini della metropoli imperfetta >>> Chilometri di palazzoni lungo le statali. E cartelloni pubblicitari abusivi. Nuovi centri commerciali e vecchi centri storici sfregiati. E poi centinaia, migliaia di macchine: ferme agli incroci, imbottigliate in oscene circumvallazioni. Percorrono mortali assi mediani, grovigli di ponti, svincoli, raccordi. Corrono. Per andare dove, non si sa. Perché alla fine tutte le strade portano a Napoli. Che poi, se non fosse per qualche cartello, non ti accorgeresti nemmeno che è finita, questa Napoli. Perché saldata alla città trovi un’altra città, e poi un’altra ancora. Anche se molte di queste città non esistono più, o esisteranno ancora solo per poco. Questione di decenni, un paio di generazioni al massimo, e saranno solo Napoli sotto altro nome. La metropoli avanza, e tutto lentamente cancella. Anno dopo anno, un pezzo per volta, tutto diventa indefinita, grigia, sterminata periferia. Un mare di antenne, su cui sorge e tramonta il sole. Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in Libri, Storia

Napoli e i suoi casali/ Le storie ai confini della metropoli imperfetta

CASALI_presentazione

Si presenta alla Feltrinelli Express della Stazione Centrale di Napoli – Piazza Garibaldi (giovedì 7 novembre, ore 18:00), Napoli e i suoi casali: Itinerari dell’entroterra metropolitano di Giuseppe Pesce (Alessandro Polidoro Editore). Ne discutono con l’autore il sociologo Carlo Albano (docente di economia politica all’Università “Federico II”), Osvaldo Cammarota (Operatore di Sviluppo Territoriale) e il prof. Ugo Leone (già docente di Politica dell’Ambiente alla “Federico II” e presidente del Parco Nazionale del Vesuvio).
Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Libri, Storia

Critica/ Narrativa meridionale, un discorso da riprendere

ImmagineTra “casi” e polemiche, librerie che chiudono, editori che latitano e scrittori che espatriano, c’è anche chi prova a rilanciare, più seriamente, un dibattito sulla narrativa meridionale. “Letti d’un fiato” è il titolo del libro uscito di recente per Homo Scrivens, in cui Raffaele Messina ha raccolto una serie di recensioni apparse negli ultimi anni su varie riviste. Ci sono le segnalazioni di diversi “esordi”, alcuni interessanti e forse troppo presto liquidati nel turnover sempre più serrato che brucia ormai decine di novità al mese. Ma ci sono soprattutto gli scrittori a cui è stata appiccicata quell’odiosa (ma spesso fortunata) etichetta di “napoletani”: tra gli altri, Maurizio De Giovanni ed Ermanno Rea, Ruggiero Cappuccio  e l’immancabile Roberto Saviano, Diego De Silva e Angelo Petrella. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in critica letteraria, Uncategorized

Documentario/Malacqua, l’amarcord di Nicola Pugliese al Napoli Film Festival

malacqua_napoliFFE’ stato proiettato al Cinema Metropolitan di  Napoli lo scorso 2 ottobre il documentario di Giuseppe Pesce “Tutto il resto è Malacqua: La versione di Nick Pugliese” (Italia, 24′, 2013) , in concorso al Napoli Film Festival. Il film raccoglie l’unica intervista rilasciata dallo scrittore Nicola Pugliese, scomparso nel 2012, autore di “Malacqua”, romanzo di culto pubblicato da Italo Calvino per Einaudi nel 1977 (ora ripubblicato da Pironti). Nato da un’idea di Peppe D’Avanzo e di Giuseppe Pesce, è stato realizzato con la collaborazione di Marco Catizone, riprese di Carlo M. Alfarano, montaggio di Valerio D’Ambrosio. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in CInema, Letteratura, Libri

Presentazione/’Voglio solo ammazzarti’, arriva il seguito de ‘Il nome dello zio’

soloammazzagrandeStefano Piedimonte presenta il suo nuovo romanzo Voglio solo ammazzarti (Guanda) alla Feltrinelli di piazza dei martiri mercoledì 25 settembre (ore 18) in compagnia di Maurizio de Giovanni. Il nuovo libro segue il primo “capitolo”, Nel nome dello zio, uscito l’anno scorso sempre per Guanda – notato, tra gli altri, da Roberto Saviano – e passato nei mesi scorsi nei tascabili TEA.
Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Eventi, Libri

Perchè rileggere Malacqua

pironti_malacquaL’editore Tullio Pironti ha il merito di aver finalmente riportato in libreria, dopo trent’anni, un piccolo capolavoro. Ci siamo lamentati a lungo, che Malacqua fosse introvabile, e adesso sta a noi lettori, di farlo rimanere quanto più a lungo possibile sugli scaffali, in un’epoca in cui il turnover delle novità editoriali è sempre più serrato, e il mercato brucia decine di titoli a settimana. Ma cos’è questo libro, al di là del “caso editoriale”? del solitario Nicola Pugliese e di Italo Calvino, delle quattro giornate di pioggia nella città del sole, e di tutto il resto? Cosa pensate di trovarci, dentro? Io che l’ho riletto spesso, mi sto convincendo che forse Malacqua non parla di Napoli. Malacqua parla della nostra vita: Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Letteratura, Libri

MafiaTivù/ Una fiction di cui nessuno sentiva la mancanza

sfida_rosiNon c’è morale nella storia di Pupetta Maresca, se non quella che raccontò già Francesco Rosi nel film del 1958 “La sfida”: la vicenda di un giovane ambizioso e impaziente (il Vito della finzione, che poi sarebbe Pascalone ‘e Nola) che cerca di fare il grande salto verso la ricchezza avvicinandosi a importanti figure della camorra: ma la sua intraprendenza sarà anche la sua rovina. Tutto il resto è solo taglione e vendetta, infamia e squallore: l’unico onore è quello delle onorate società (di produzione) che investono nell’apologia del degrado in cui siamo precipitati, e ci trascinano sempre più in basso fornendo modelli devianti, soprattutto alle nuove generazioni.

Lascia un commento

Archiviato in attualità